Snow Angel Bulldogs

13.11.06

Chi-ha-paura-di-van-der-Pellen?-Jaaaaaaa

Alcuni testi affermano che nel 1860 iniziarono le selezioni per addolcire il carattere ( incroci col Carlino, Dogue de Bordeaux e Mastiff ) del Bulldog Inglese e che queste selezioni ne causarono la estinzione per avere, pero, oggi un cane veramente buono e mansueto. Questa ipotesi piacerebbe molto a Gianni Rodari e ad Edmondo de Amicis, ma si dimostra molto superficiale e poco supportata dai fatti:

1) Il Bulldog era considerato un cane coraggioso almeno fino a quando io ero bambino e questo posso testimoniarlo, i Bulldog erano rarissimi e incutavano molto timore.

2 ) Ritengo che gli allevatori inglesi siano sempre stati , chi lo possedeva, orgogliosi del loro bulldog.

3) Gli ultimi studi hanno dimostrato che sono proprio i cani di piccola taglia quelli potenzialmente piu aggressivi ( Carlino).

4)Allo stesso tempo il Dogue de Bordeaux e il Mastiff, hanno una Storia secolare nei Combattimenti e hanno spiccate propensioni alla Guardia, di certo non sono i cani indicati per ottenere un Cane da Compagnia.

5) I cani sono tutti cani e obbediscono agli stessi istinti all' interno di un comportamento influenzato dall' indole, ma non secondariamente da fattori ambientali come le dinamiche che si determinano all' interno della Cucciolata, lo Stile di vita del cane, il Comportamento del padrone,l'esempio degli altri cani, come la madre, etc .

6) Un cane a cui e stato assegnato il compito di proteggere il branco dalle aggressioni esterne non puo non andare incontro al pericolo per aggredire il potenziale aggressore ( ad esempio un altro maschio ).

7) Nessuno volle ottenere un Cane da Compagnia con una struttura fisica come il Bulldog, sarebbe stato un controsenso, vietati i combattimenti il Bulldog venne evidentemente utilizzato per la Guardia.

8 ) Nell' Ottocento l' Inghilterra era un paese prevalentemente rurale e non esisteva ancora la figura del Milanese col Porsche Cayenne e il Bulldoghino, i cani venivano utilizzati per scopi precisi secondo la taglia e le attitudini, infatti in Inghilterra il Bulldog e classificato come un Utility Dog.

9) Il Bulldog aveva fama di essere il Cane migliore del Mondo, veniva venduto a caro prezzo e fu per questo sottoposto a notevoli esportazioni proprio nella seconda meta dell' Ottocento, di conseguenza chi lo incrocio con altre razze non disse niente a nessuno, almeno in un primo momento.

10 ) Il Bulldog divenne il simbolo dell'Inghilterra e raggiunse una grande popolarita durante un periodo bellico, la seconda guerra mondiale, come simbolo di quelle qualita che sono evidentemente necessarie per vincere una guerra, quasi cento anni dopo queste ormai leggendarie selezioni effettuate per addolcirne il carattere.

11) Il Bulldog era classificato come cane da Combattimento fino a qualche anno fa e solo adesso viene classificato come cane da Guardia e da Compagnia.

12 ) I cani da Compagnia di solito sono di piccola taglia non sono dei molossoidi che possono arrivare al peso di 40 kilogrammi, ben difficili da gestire, quindi, anche i questo caso non ci sono prove che avvalorino la tesi delle selezioni mirate per ottenere un cane da Compagnia.

13) Il Bulldog incute, tuttora, molto timore, in particolare nelle donne, le persone tendenzialmente si spostano quando passa un Bulldog, anche questa non e una caratteristica da Cane da Compagnia o da Salotto.

14 ) La mia esperienza personale indica che io lascio i miei cuccioli da soli con il Bulldog Originale, mentre non li lascio da soli con il Bulldog Classico, quindi non credo che ci siano voluti 150 anni di selezioni mirate da parte dei migliori allevatori del mondo e l' estinzione di una razza per arrivare a questo.

15 ) Gli Inglesi rispettano gli animali e nell' ottocento era realmente di moda in Inghilterra possedere gli animali più strani provenienti dalle regioni più disparate del mondo, non penso che in questo clima di apertura e rispetto, quasi sacro, verso tutto il mondo animale, insetti e rettili, acquisito direttamente dall' India, la colonia più importante e conosciuta in quel periodo, se la andassero a prendere, a livello da deciderne pubblicamente la estinzione, contro il povero Bulldog Inglese, razza autoctona, il migliore amico dell'uomo.

16) Concludendo, compiendo una valutazione oggettiva, dovremmo dire che il carattere del Bulldog Inglese è rimasto, in fin dei conti, nel 2006, quasi immutato e che queste mitiche opere di selezione cosi drasticamente supermirate, anche a costo di estinzioni o di incroci con altre razze sono iniziate quasi duecento anni orsono e, di questo passo, potranno, tra qualche secolo essere definite Eterne, o, quanto meno, La Opera Umana più Lunga della Storia dell' Uomo, più delle Piramidi, della Fabbrica del Duomo di Milano o del cantiere per la costruzione della Basilica di San Pietro, forse perchè in Inghilterra chi l' ha posseduto è stato sempre contento e orgoglioso del suo Bulldog Inglese e non ha mai pensato di cambiarlo.

http://www.the-bulldog.com

 
 

11.11.06

Zar-Ivan-e-il-Pederasta-Vanda-Osiris-Pellen-.

Premetto che questa è un' analisi storica ed in quanto tale cerca di essere aderente ai fatti.Premetto che, con ogni probabilità, l' unico che conosce realmente la Storia dell' Original Pure Breed Bulldog sia il grandissimo Mr. Les Thorpe e che le mie sono, comunque, solo supposizioni. Tra i fattori che potrebbero averne causato l' estinzione, a mio avviso, possiamo ravvisare: la persecuzione scatenata nei suoi confronti durante il 19° secolo, le oggettive difficoltà prodotte dal suo allevamento, le richieste del mercato di bulldog ipertipici,la necessità di ottenere un maggior numero di cuccioli, anche se non purissimi. Purtroppo anche in questo caso le informazioni che giungono sopra il Bulldog Inglese sono piuttosto contradditorie. Più profondamente non credo che movimenti di opinione sicuramente circoscritti riguardanti la eccessiva aggressività del Bulldog ( la tendenza a colpire la faccia, ad attaccare altri cani e la sua nota abilità nel prendere e uccidere i gatti, anche quelli del vicino di casa ), oppure le sue antiche origine asiatiche ( fermenti nazionalisti di fine '800), possano giustificarne la scomparsa anche perchè il Bulldog Classico del 20° secolo cerca , senza riuscirci, di colpire in faccia, cerca, senza riuscirci, di prendere il gatto, e spesso il maschio è litigioso con altri maschi. Inoltre il Bulldog, osservando i dipinti dell' epoca, non sembra un cane di per sè incontrollabile o troppo aggressivo, ad esempio quando non è raffigurato con l'uomo. Infatti, in molti disegni dei combattimenti possiamo notare che l'uomo è il vero protagonista, con la sua eccitazione, del dipinto e del combattimento. Era quindi necessario portare il Bulldog in uno stato di eccitazione assolutamente esasperata per costringerlo a combattere. Il Bulldog, di conseguenza, non doveva essere un cane cattivo, insensibile o incontrollabile, anzi..., però doveva essere facilmente eccitabile e soprattutto doveva essere molto sensibile alla eccitazione del suo padrone. Quindi non direi che ci sia stato un reale sforzo di trasformazione dell' Original Purebred Bulldog da parte degli eccezionali Allevatori Inglesi, che, di solito , raggiungono rapidamente e scientificamente i loro obiettivi. Invece, il Bulldog era classificato come razza da combattimento fino a pochissimi anni or sono. Effettuando una ipotesi molto personale possiamo dire, per certo, che nel 1835 divennero illegali i combattimenti e che l' evoluzione della razza verso un cane sempre più performante subì una brusca interruzione. Sappiamo che Philo Kuon preoccupato per questa rapida involuzione, anche numerica, cercò di fissare le caratteristiche del Bulldog Originale di Razza Pura utilizzando due famosi dipinti antecedenti il 1835. Sappiamo, inoltre, che, al contrario, il Bulldog era un cane leggendario e che era richiesto in tutto il mondo proprio per la sua abilità nel combattimento e nel lavoro, a tal punto che formando nuove razze, per essere sicuri del risultato veniva quasi sempre introdotto il migliore sangue Bulldog, come ad esempio nel Boxer. A questo punto risulta più plausibile cercare di comprendere le ragioni che portarono, in una tale situazione di mercato, con intense esportazioni, a rimanere, infine, con pochi Riproduttori di valore ( questi non dovevano più superare il probante esame del combattimento dove veniva realmente misurata la capacità di performance così come le medicine introdotte da Philo Kuon: lo Standard di Razza, le Esposizioni Canine e i Giudizi dei Giudici, troppo mutevoli, inadeguate o addirittura inattuabili, si rivelarono, invece, una lama a doppio taglio ) e, soprattutto, ad avere troppo poche femmine che assomigliassero a Rosa. In questa condizione critica potrebbe, a mio giudizio, essersi reso necessario, utilizzare altre fattrici, meno pure oppure di Carlino, Dogue de Bordeuax o Mastiff non con l'obiettivo di trasformare l' antico combattente ( considerato il migliore cane del mondo ), ma al contrario nel tentativo di modificarlo il meno possibile riuscendo a produrre un numero adeguato di cuccioli. Anche per questa per tendenza, a mio avviso, degli abilissimi Allevatori Inglesi il Bulldog Classico non è così differente dal Bulldog Originale come sembrerebbe, nonostante siano passati due secoli. Riassumendo: questa ipotesi di ragionamento individua nel mercato dei Riproduttori e , soprattutto, nelle Esposizioni Canine le principali cause della apparente scomparsa dell' Original Pure Breed Bulldog. Le ipotesi sul perchè e sul per come potrebbero essere infinite, però, l' unico dato storicamente accertabile, purtroppo, è che dopo 700 anni di Storia con combattimenti, invasioni barbariche, carestie, guerre e malattie furono sufficienti 20 anni di Esposizioni Canine, durante i quali non ci furono nè guerre e nè malattie, per determinarne la estinzione. Magari a Londra qualcuno voleva sottolineare il potere della capitale sul resto dell' Impero, oppure si resero semplicemente conto che il Bulldog rappresentava un ottimo business, ma avendo già venduto i riproduttori di qualità e le fattrici simili a Rosa, non rinunciarono al facile guadagno, a discapito degli allevatori delle contee rurali e dei cinofili, strumentalizzando le Esposizioni Canine e lo Standard di Razza, introducendo rapidamente quello che definirei il Bulldog di Londra, esteticamente un bellissimo cane( teoricamente avrebbe dovuto essere nei limiti del possibile assomigliante al Bulldog Originale, per batterlo in Esposizione senza destare sospetti, e, poi, modificare lievemente lo Standard, ma i due cani diventavano sempre più diversi), però era un Bulldog sostitutivo, con un futuro incerto, frutto di una selezione improvvisata o forzatamente affrettata, in definitiva, non abbastanza testato ( perchè dar credito ad un cane poco testato se si possiede il cane più testato del mondo? ), e con un carattere simile. Non a caso il Bulldog di Londra si è vantato fino a pochi anni fa di essere l'unico cane ad avere mantenuto lo stesso spirito e coraggio del Bulldog Originale. Quest' ultimo, battuto e offeso( le Esposizione Canine sancirono la ineluttabile vittoria del Bulldog di Londra e conclusero la Storia del Cane Migliore del Mondo per il quale le stesse erano state create, unitamente allo Standard di Razza), dalla sua stessa brutta copia, essendo colpevole di appartenere agli allevatori delle contee rurali o a qualche cinofilo, si rifugiò nel Lincolnshire ( una regione pianeggiante e molto ventilata), dove la Tradizione ne garantiva la sopravvivenza, dove era incominciata la sua lunga Storia, nel 13° secolo, lontano da Londra, dal Business e dalle Esposizioni Canine.

http://www.the-bulldog.com/




Zar-Ivan-VII-Romanoff-Alessandrovic-1962-.-Nome-Mafioso-Bolscevista-durante

-il-Sequestro-Michele-Abbondandolo-
 






27.9.06

Scarica-Van-der-Pellen-che-Mangia-Merda-.






Per inbreeding si intende l' accoppiamento tra riproduttori legati da rapporti di parentela diretta: genitori e figli o fratelli. Premetto che vi sono casi in cui non sono state riscontrate conseguenze negative con l'uso prolungato dell' inbreeding. Questo esercita comunque un effetto sulle frequenze genotipiche portando alla progressiva eliminazione dei soggetti eterozigoti, riduce, inoltre la variabilità genetica entro la popolazione che quindi può risultare meno suscettibile ad una azione di miglioramento genetico. Ad esempio la cucciolata realmente eccezionale prodotta da Tuffnuts Snow Angel con Ch Ocobo Pearly Boy, era perfettamente eterogenea: aveva prodotto quattro Campioni tutti profondamente diversi (fenotipo) l'uno dall' altro ma con un eccezionale numero di qualità equamente ripartite, era, quindi molto facile ottenere un miglioramento genetico nella direzione desiderata. L' eccessivo utilizzo dell' inbreeding viene segnalato da un fenomeno chiamato depressione da inbreeding che potrebbe essere evidenziata dal declino della fertilità, dall' aumento della mortalità neonatale e giovanile o da un alto grado di cancri o malattie.Comunque gli animali “inbred” tollerano i trapianti reciproci di tessuto e sono fondamentali per lo studio dell’immunologia dei trapianti, questa tecnica è utile anche nelle sperimentazioni per ottenere una popolazione omogenea. Le razze canine sono state create con questo strumento ed, in ogni caso, un certo grado di consanguineità è necessario per poter fissare i caratteri al punto che l'incrocio tra due cani della stessa razza dovrebbe essere comunque considerato un inbreeding, avendo evidentemente un patrimonio genetico comune oltre che fenotipicamente simile: la razza stessa per mantenere se stessa opera costantemente sulla omozigosi dei soggetti. L' importante, a mio avviso è controllare il grado di questa omozigosi e cercare cucciolate in cui siano presenti il maggior numero di qualità o caratteristiche omogeneamente suddivise; potrebbe, inoltre, essere prudente effettuare qualche cucciolata in inbreeding, ogni tanto, per verificare lo stato del proprio allevamento e dei riproduttori.

http://www.the-bulldog.com

Zar-Ivan-VII-Romanoff-Alessandrovic-1962-.-Nome-Austro-Bolscevista-Mafioso-durante
-il-Sequestro-Michele-Abbondandolo-.
 
 

10.5.06

Vandissima-Vamp-Van-der-Bellen



Zar-Ivan-VII-.

Osiris-Vanda-Pellen-.
Vandissima-Vamp-
Van-der-Bellen-.
Vanda-Var-der-
Pellen-Culo-Aperto-.

IL-PEDERASTA-

Il-Pederasta-piu'-Famoso-del-Mondo-
Van-der-Bellen-Presidente-Austriaco-
Brutto-come-la-Fame-come-la-Mafia-
come-il-Bolscevismo-dei-quali-e'-il-Mostruoso-
degno-Rappresentante-.

Questa-Foto-e'-Emblematica-della-Abissale-Differenza-Morfologica
-tra-il-Prototipo-dell'-Uomo-Proposto-dai-Romanoff-e-il-
Prototipo-del-Pederasta-proposto-dall'-Austria-.
 
 
 

2.3.06

Bulldog-scappa-con-l'auto-van-der-bellen-frocio-.

Zar-Ivan-VII-Romanoff-Alessandrovic-1962-.-Nome-Mafioso-Bolscevista-durante
-il-Sequestro-Michele-Abbondandolo-.

 
 
 
 
A quell'appuntamento con il veterinario proprio non ci voleva andare. Così Harvey, un bulldog di pochi anni, ha pensato di darsela a gambe non appena il padrone, Johnny Vaughan, divo della televisione britannica, si fosse distratto. L'occasione per svignarsela è giunta proprio quando Vaughan è sceso dall'auto per far scendere il proprio cucciolone e portarlo alla visita medica di routine.
"Ero in macchina con Harvey - ha spiegato il presentatore Tv - e lui era seduto al mio fianco. Ho lasciato il motore acceso e sono sceso, passando dal lato del passeggero per aprire la portiera e farlo scendere. Ma lui si è lanciato al posto di guida, ha spostato il cambio in marcia, ha girato il volante e poi ha schiacciato l'acceleratore".
La fuga del cane è stata però molto breve. La sua tipica guida da cane gli è stata infatti fatale. Harvey, a bordo di una Maserati 3200GT da 100mila sterline, si è schiantato contro un furgone parcheggiato poco distante. "Non è colpa mia - ha detto Vaughan ai poliziotti giunti sul luogo dell'incidente - è stato il mio cane a guidare l'automobile e a provocare l'incidente".
Gli agenti, compresa l'insolita situazione, si sono limitati a constatare l'incidente e a fare un piccolo verbale al proprietario del cane. Per quanto riguarda la Maserati, secondo la perizia dell'assicuratore, avrebbe riportato danni per un totale di 11mila sterline che Vaughan però dovrà sborsare di propria tasca.
La compagnia assicurativa, infatti, ha risposto picche alla richiesta di risarcimento. Il motivo? "Harvey non ha la patente", pertanto l'assicurazione non pagherà una sola sterlina.

My Favorites